Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 1306 volte

Benevento, 03-04-2019 21:14 ____
L'Associazione delle Famiglie Faba denuncia la fine dell'assistenza indiretta per i bambini autistici: Un dramma fermarla
L'accusa e' rivolta all'Asl. Il presidente del sodalizio Elena Pinto ha chiesto tre mesi di proroga e la contestuale apertura di un Tavolo di trattativa per trovare un sistema che faccia equita' per tutti
Nostro servizio
  

L'Associazione delle Famiglie Faba ha denunciato con molta forza e lo ha fatto con un flash mob, l'interruzione da parte dell'Asl di Benevento dei trattamenti Aba erogati in forma indiretta ai bambini autistici.
"Vergogna" è stata la parola scandita lungo il percorso del corteo che è partito da piazza IV Novembre, proprio vicino alla struttura edificata stamane dagli allievi del Liceo Artistico e dedicata alle problematiche dell'autismo, è giunto in piazza Roma, è ripassato per corso Garibaldi e lungo via Perasso fino ad arrivare in via Oderisio, sede dell'Asl, dove poi la riunione si è sciolta non prima di aver lasciato sul posto qualche striscione tra cui certamente quello con la scritta "Vergogna".
Elena Pinto, volitiva e caparbia presidente dell'Associazione delle Famiglie Faba, ha spiegato la problematica sul tappeto dicendo che, a seguito di una circolare regionale che detta le linee di indirizzo sulle scelte che le Asl dovevano assumere relativamente alle cure per i bambini autistici, la nostra Asl ha deciso che le cure di assistenza indiretta andavano necessariamente bloccate.
A questo punto i nostri figli sono rimasti senza terapie e quindi assolutamente fermi.
Questo lo abbiamo ripetutamente detto al direttore generale Picker e per ultimo proprio ieri.
Lui ha rassicurato la città, così ho letto dalla Stampa, dicendo che sta elaborando delle soluzioni al problema.
Solo che il nostro, di problema, è di difficile soluzione per un semplice motivo, perché egli ha assunto la posizione categorica di fermare le terapie in assistenza indiretta e si sforzerà di attivare le terapie in assistenza diretta ma al momento non è in grado di erogarle.
Questo vuol dire che i nostri figli, fino a quando l'Asl non sarà in grado di erogare il servizio, resteranno fermi e questo non è possibile nell'ambito dell'autismo perché parliamo di situazioni precarie e di equilibri che, se e quando raggiunti, si perdono in pochissimo tempo e che portano i ragazzini ad una regressione inimmaginabile.
Noi vogliamo una proroga, ha concluso il presidente Pinto, di tre mesi e nello stesso tempo l'apertura di un tavolo di confronto per trovare un sistema che faccia equità per tutti.

Le foto sono di "Gazzetta di Benevento". Riproduzione vietata.

 

 

 

 

 

 

 

 

 
 
 

 

 

comunicato n.121234




SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 220644839 / Informativa Privacy