Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 1006 volte

Benevento, 12-02-2019 17:09 ____
"Un futuro nel segno della ricerca scientifica" apre una nuova prospettiva di vita per il Centro Medico Erre di Sant'Agata dei Goti con Neuromed
Bisogna recuperare un milione di euro l'anno sulla spesa per il personale ma l'obiettivo si cerchera' di coglierlo in maniera condivisa con i Sindacati. Mastella: L'alternativa era la chiusura della struttura sanitaria
Nostro servizio
  

La problematica, seria, del personale del Centro Medico Erre di Sant'Agata dei Goti, si scioglie, per parte, nel più vasto progetto di rivalutazione del centro da parte di Neuromed che, nel corso di un incontro svoltosi a Palazzo Paolo V, ha parlato di "Un futuro nel segno della ricerca scientifica".
Prima che cominciassero i lavori, abbiamo parlato con l'amministratore delegato del Cmr, Paola Belfiore, il quale ci ha detto che viene oggi presentato un nuovo modo di fare medicina e sanità all'interno del Cmr, attraverso una collaborazione più stretta con Neuromed e la ricerca di cui il Centro di Sant'Agata dei Goti potrà beneficiare.
Mi riferisco, ci ha detto Belfiore, ai nostri medici, ai nostri ricercatori, alla nostra intera struttura in modo da fornire le migliori prestazioni ai nostri pazienti.
Siamo in presenza, in pratica, di un trasferimento di dati dal laboratorio al malato e questa è la garanzia per un rilancio concreto della struttura.
Il nostro interesse non è solo il raggiungimento di un equilibrio finanziario per l'Azienda ma anche il suo rilancio con caratteristiche che sono proprie del nostro gruppo.
Dunque, abbiamo detto noi, problematiche importanti come quelle sin qui vissute con il personale, non ce ne dovrebbero essere più per il futuro?
Con il personale, ci ha risposto Belfiore, abbiamo avuto un periodo di grandi scontri, legati forse anche a considerazioni e convincimenti non corretti, che erano quelli di poter modificare il piano di concordato preventivo che invece è stato approvato dal Tribunale Fallimentare di Benevento e che quindi non è modificabile.
Abbiamo fatto dei Tavoli movimentati con i Sindacati ma penso che alla fine sia passata l'idea di trovare insieme delle soluzioni e siamo in questa fase.
Il nostro obiettivo è quello di risparmiare una determinata somma, circa 1 milione di euro l'anno sul personale, altrimenti salta l'equilibrio finanziario.
Per raggiungere questo risultato abbiamo dato un ventaglio di possibilità tipo una modifica del contratto di lavoro; l'introduzione del part-time; qualche prepensionamento, anche sfruttando ora quota 100, tutte le possibilità sul campo che siamo pronti a coglierle.
Aspettiamo delle proposte anche da parte dei Sindacati.
Quello che abbiamo trovato non lo abbiamo creato noi, ci ha detto a conclusione Belfiore e non abbiamo possibilità di modificarlo ed il lavoro da fare non è di poco conto.
Con Giovanni De Gaetano, presidente Neuromed, abbiamo invece parlato dell'aspetto scientifico del progetto che inserisce Sant'Agata dei Goti, ci ha detto De Gaetano, in un sistema complesso, che a noi piace chiamare galassia Neoromed o rete di ricerca clinica.
Questo vuol dire che tutti i dati clinici che vengono sviluppati in una normale assistenza sanuitaria, invece di rimanere nell'Ospedale o in una cartella clinica che va poi in un archivio polveroso che non utilizza più nessuno, confluiscono ad una banca dati che stiamo sviluppando a Caserta diventando il Sole di questo sistema di pianeti che gli girano attorno.
La novità è che Ospedali dove ci sono determinate specialità, assieme ad altri dove ce ne sono altre, convergono in una novità che le tecniche informatiche permettono oggi di realizzare.
E' questo un sistema di andata e ritorno, nel senso che il Centro medico di Sant'Agata dei Goti dà e riceve energia, mentre il Sole l'energia la rilascia solamente.
E dunque anche Sant'Agata dei Goti darà moltissimo a Neuramed e quest'ultima a sua volta darà moltissimo al Cmr.
Come presidente di Neuromed, De Gaetano si è dichiarato molto soddisfatto del lavoro sin qui svolto anche perché questo è un modo per realizzare una sanità nuova anche nel Mezzogiorno.
A questo punto è cominciata la fase pubblica dell'incontro ed è stato Clemente Mastella ad aprire i lavori dichiarandosi soddisfatto del fatto che si chiuda in maniera positiva la vicenda del Cmr sia per i pazienti che per i lavoratori.
In questo caso si utilizza la qualità delle prestazioni di Neuromed che aumentano così le capacità anche del Centro di Sant'Agata dei Goti.
L'entusiasmo per questa iniziativa ha indotto il sindaco a dire: Sono contentissimamente contento.
La depressione finanziaria è drammatica, ha proseguito Mastella, e chiudere con un segno positivo e con il massimo consentito, ci spinge a ritenere che sia stata scritta una bella pagina per il Centro Medico Erre di Sant'Agata dei Goti.
Paola Belfiore ha invece affermato di aver trovato un'Azienda con 40milioni di debiti e Neuromed è stata l'unica ad aver presentato una proposta di concordato ritenuta credibile dal Tribunale.
C'era bisogno di un processo di moralizzazione e di cambiamento che va portato avanti.
Neuromed è una struttura con 250 milioni l'anno di fatturato e con circa 2.500 dipendenti.
Il Centro Medico Erre ha avuto anche una cattiva presenza sul territorio ed abbiamo dovuto lavorare anche per riparare a questo.
Belfiore ha chiuso il suo intervento puntando su quella "R" del Centro Medico, una "R" che sta a significare il rilancio dell'Azienda.
Giovanni De Gaetano ha aggiunto che quella "R" è anche la lettera della ricerca e della rete.
La nostra ricerca vuole essere estremamente efficace e rivolta al paziente.
Non abbiamo da presentare niente di eccezionale, né alambicchi con elementi che bollono e fanno fumo, né cani a tre teste.
Oggi abbiamo solo il "Progetto Platone" con il Centro Medico Erre che darà e riceverà luce dal sole.
Clemente Mastella ha chiuso i lavori affermando che il recupero di un milione di euro sul personale non è cosa di poco conto, ma l'alternativa era terribile, il fallimento ed il licenziamento per tutti.

Le foto sono di "Gazzetta di Benevento". Riproduzione vietata.

 

 

 

 

 

comunicato n.119797




SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 181077313 / Informativa Privacy