Portale multimediale d'informazione di Gazzetta di Benevento

 

stampa

letto 1345 volte

Benevento, 03-02-2019 13:03 ____
La vicenda dei 502mila euro per il consumo di acqua erogata dalla Gesesa allo Stadio "Vigorito", tiene banco. Ora si discute sulla prescrizione
Questa cifra, cosi' come una altrettanto simile che e' riferita alla Tari mai pagata, doveva essere prevista nella Convenzione di rinnovo della gestione della struttura sportiva, atto pero' che non e' stato mai firmato
Nostro servizio
  

La vicenda dei 502mila euro per il consumo di acqua erogata dalla Gesesa allo Stadio "Vigorito", tiene banco e si innesta ora su un altro concetto, quello della prescrizione del debito.
Innanzitutto dobbiamo precisare che il riferimento che ci è stato dato era inesatto, nel senso che non cambia la cifra, oltre un miliardo di vecchie lire, 502mila euro, solo che non è il Comune che li deve alla Gesesa ma è la società Benevento Calcio che li deve al Comune.
Quest'ultimo, infatti, proprio non molti giorni fa, ha chiuso ogni sua partita debitoria con la società che gestisce il Servizio Idrico Integrato a cui non deve più nulla.
Dunque, questi soldi, che si assommano ad un altro "pozzo nero", quello della tassa sui rifiuti, ci dicono parimenti mai pagata, il Comune è ancora in grado di richiederli al suo creditore?
Lo abbiamo chiesto a Luca Paglia che, lo ricordiamo, proprio per vicende indefinite come questa del "Vigorito" ed altre, ha abbandonato la presidenza della Commissione Sport, dimettendosi senza possibilità di un ritorno sulla sua decisione, tanto è vero che oggi è ai vertici della Commissione Urbanistica. Paglia ricorda bene la vicenda e ci ha confermato: Ho scritto almeno una decina di volte al dirigente invitandolo ad interrompere i termini per la parte che riguarda la nostra gestione amministrativa.
Il problema, infatti, incombe, certamente, ma non solo per l'acqua, anche per la Tari.
Ci sono scambi epistolari ed un riconoscimento di debito e, quindi, questo dovrebbe già bastare per interrompere i termini ma per forma, penso che la nostra Avvocatura abbia notificato la interruzione dei termini.
Il problema maggiore è per gli anni dal 2006 a seguire dove sembra ci sia un vuoto.
Questi debiti, ci ha detto Paglia, sono stati appostati nella famosa Convenzione che avrebbe dovuto essere sottoscritta tra le parti.
Avremmo dovuto fare il Bando per l'assegnazione della gestione dello Stadio, ma poi abbiamo trovato il modo, con la legge nazionale sugli Stadi che consentiva alla società Benevento Calcio di presentare un progetto di riqualificazione dello Stadio, di recepire la richiesta di affidamento della struttura, almeno per un periodo decennale, a seconda della importanza del progetto, senza alcuna gara.
Gli abbiamo dato un termine, molto ampio peraltro, che scadeva il 10 ottobre scorso ma non abbiamo ricevuto nulla.
Vigorito palleggia molto bene, per usare un termine calcistico, ci ha detto Luca Paglia sorridendo.
Io su questo temporeggiamento non ero d'accordo e me ne sono andato dalla Commissione Sport.
Aggiungo che la Convenzione è stata poi prorogata proprio sul presupposto del rispetto, da parte di Vigorito, del termine del 10 ottobre.
In definitiva sarebbe caduto anche il presupposto per la proroga così facendo.
Sono responsabilità queste che si assume il nostro dirigente, ovviamente.
Tutti i conteggi a carico dell'uno e dell'altro, cioè del Comune e della Società Benevento Calcio, sono stati fatti.
La vicenda della Tribuna Stampa è stata risolta visto che l'abbiamo inserita nel piano delle Universiadi. La stradina di accesso anche.
Ora aspettiamo Vigorito.
Per tutte le somme di cui abbiamo parlato e che devono essere versate al Comune, sorge poi veramente il problema del recupero e della prescrizione se non vanno in Convenzione.
Gli importi vanno a carico dei vecchi dirigenti ed amministratori comunali, quelli dell'Amministrazione Pepe, se Vigorito ne invoca la prescrizione.
Per questa Amministrazione, quella di Mastella, non ci dovrebbe essere responsabilità alcuna perché la vicenda è stata proprio da noi tirata in ballo ed i termini sono stati interrotti.
Almeno di questo voglio essere convinto...

comunicato n.119593




SocietÓ Editoriale "Maloeis" - Gazzetta di Benevento - via Erik Mutarelli, 28 - 82100 Benevento - tel. e fax 0824 40100
email info@gazzettabenevento.it - partita Iva 01051510624
Pagine visitate 197153523 / Informativa Privacy